Libri scolastici digitali AID: dal 5 luglio è possibile prenotarli

Anche quest’anno LibroAid, portale dell’Associazione Italiana Dislessia mette a disposizione una serie di libri scolastici digitali. 

Già a partire dal 5 luglio, i genitori di ragazzi con dislessia e altri disturbi specifici dell’apprendimento possono collegarsi al portale e richiedere gratuitamente la versione digitale dei libri di testo adottati dalla scuola.

I libri digitali rappresentano uno strumento compensativo di notevale utilità per chi ha difficoltà nella lettura. Basti pensare che nell’ultimo anno, l’AID ne ha distribuiti oltre 160.000 in tutta Italia.

«I libri digitali – spiega Gabriele Brinchilin – sono pdf aperti, modificabili da programmi che li leggono ad alta voce o li riducono in mappe e riassunti» .

Come richiedere i libri digitali?

Occorre associarsi all’Aid, inviare diagnosi di DSA e dichiarare l’acquisto di una copia cartacea (per i contenuti aggiuntivi).

L’Associazione A Modo Mio offre un supporto gratuito in fase di inoltro della domanda di prenotazione dei libri. 

Per informazioni, rivolgersi a:

info@associazioneamodomio.it

3891145898

 

 

Giochi per potenziare lettura e scrittura

Per strutturare un percorso efficace per il potenziamento delle abilità di LETTURASCRITTURA, sviluppando efficacemente la competenza FONOLOGICA, è necessario considerare rilevanti alcune attività, come:

  • segmentazione – fusione sillabica
  • riconoscimento sillaba iniziale, finale, intermedia uguale
  • riconoscimento in parole diverse suono iniziale, finale, intermedio uguale
  • produzione di parole che iniziano, finiscono, contengono lo stesso suono
  • elisione di sillaba o fonema iniziale di parola
  • ricerca e produzione di rime, conte e filastrocche

A questo link trovate una serie di GIOCHI DIDATTICI GRATUITI che ricalcano le attività appena menzionate.

 

 

I “compiti delle vacanze” più belli di sempre

Non si tratta di un’immagine inventata, ma della reale lista di ”Compiti per le vacanze” assegnata ai propri alunni dal professor Fabrizio Loffredo, il cui nome è diventato molto popolare sul web.

”Se tutti fossero come lui, il mondo sarebbe un posto migliore. Un applauso al Prof. Fabrizio Loffredo.”

E’ così che i suoi alunni lo hanno ringraziato, una in particolare Sara M., che ha fatto una foto alla sua lista di compiti e l’ha pubblicata sul profilo Facebook, permettendogli di diventare in assoluto il miglior professore che sia mai esistito nella storia dei social.

A voi i commenti 🙂

Imparare una seconda lingua da piccoli: i benefici per il cervello

Crescere con due lingue viene spesso considerato dannoso o inutile per lo sviluppo del bambino, o per la sua integrazione in una nuova comunità. Il bilinguismo è ancora circondato da pregiudizi e falsi miti che rendono più difficile lo sviluppo di due lingue nella prima infanzia e il mantenimento delle lingue minoritarie.

In realtà, la ricerca scientifica condotta negli ultimi decenni su scala internazionale ha evidenziato i numerosi vantaggi che l’apprendimento di una seconda lingua fin dalla più tenera età può apportare a livello cognitivo e nella vita quotidiana.

I bambini imparano qualsiasi lingua senza sforzo, esattamente come imparano a camminare. Il bilinguismo infantile è diverso dall’apprendimento di una seconda lingua in età adulta: è un processo spontaneo che ha luogo se il bambino ha abbastanza occasioni di sentire due lingue e motivazione ad usarle. Il cervello del bambino è perfettamente capace di ‘gestire’ due o più lingue contemporaneamente.

Ecco alcuni dei numerosi vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo

Continue reading “Imparare una seconda lingua da piccoli: i benefici per il cervello”