Dislessia: come riconoscerne i segnali?

Troppo spesso le difficoltà scolastiche vengono attribuite a pigrizia, svogliatezza, bassi livelli di intelligenza, ma in realtà possono nascondere la presenza di un disturbo specifico dell’apprendimento. È fondamentale, perciò, di fronte a un fondato sospetto di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA), effettuare il prima possibile una valutazione approfondita. Un intervento precoce, infatti, permette di attivare supporti scolastici ed extrascolastici volti a migliorare il rendimento scolastico del bambino.

Qui di seguito riportiamo una serie di indicatori (suddivisi per età) che possono orientare insegnanti e genitori nell’individuazione di un possibile disturbo specifico dell’apprendimento. Va sottolineato che queste caratteristiche non rappresentano un indice diagnostico, ma solo un indizio della plausibile esistenza di un Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA).

fonte: www.trainingcognitivo.it

Età 5-7

Linguaggio

  • Fatica a spiegare i propri pensieri
  • Le parole lunghe possono essere pronunciate male
  • Fatica a dividere le parole in suoni (analisi fonemica) e a ricomporle partendo da essi (sintesi fonemica)

 

Memoria

  • Spesso non ricorda le elencazioni (numeri, nomi, oggetti, ecc.) soprattutto se in sequenza

Apprendimenti

  • Fatica a copiare correttamente e a riassumere
  • impara velocemente tramite osservazione, dimostrazione, sperimentazione e supporti visivi
  • La scrittura può essere scarsamente leggibile.- Nello scrivere tralascia lettere all’interno di parole e/o ne cambia l’ordine
  • Potrebbe comprendere male in lettura a causa della scarsa velocità e correttezza della lettura
  • Può comprendere un testo scritto meglio di come legge parole isolate
  • Migliora in comprensione quando qualcuno legge al suo posto
  • È lento a leggere, manca di espressività e fluenza (stenta e ha difficoltà nella lettura a voce alta)
  • Fatica a leggere l’ora su un orologio con le lancette
  • Fatica in attività come allacciarsi le scarpe, fare nodi e vestirsi
  • Può essere in grado di dire correttamente i numeri e al tempo stesso faticare a contare le cose
  • Riesce a contare soltanto utilizzando le proprie dita
  • È intelligente ma ha una scarsa resa scolastica, soprattutto nelle prove scritte
  • Potrebbe non essere in grado ci comprendere la propria scrittura
  • Legge e scrive peggio rispetto a quanto ci si aspetterebbe data la sua intelligenza
  • Fatica a leggere le parole presentate isolatamente
  • Le parole, soprattutto se nuove, non sono lette in modo fluido
  • Anche nel riconoscere parole corte può confondersi
  • Trova più faticoso leggere le preposizioni (da, a, con, tra, fra) rispetto alle parole di contenuto le parole di contenuto (camminare, rosso, sole)
  • È lento a imparare e a mantenere la relazione tra le lettere ed i suoni

Organizzazione

  • Fatica a pianificare

Percezione

  • Sembra abbia problemi visivi pur non emergendo dai test standard appositi
  • Mentre legge riferisce di vedere le parole in movimento o deformate

 

Età 7-12

Linguaggio

  • Impiega molto tempo e lessico ristretti per raccontare i fatti

Memoria

  • Mostra fatica a ricordare numeri di telefono e date di compleanni (anche propri)

Apprendimenti

  • Continua a confondersi con l’ordine delle lettere che compongono le parole
  • Fatica o non riesce a imparare le tabelline
  • La scarsa fluidità e correttezza nella lettura ne pregiudicano la comprensione
  • Scrive utilizzando in lessico ristretto
  • Gli errori ortografici sono eccessivi rispetto all’età (es. leggendo o scrivendo la stessa parola quest’ultima viene cambiata; tralascia, inverte o cambia alcune lettere)
  • I propri appunti sono inutilizzabili per studiare
  • Legge male rispetto a quanto atteso per la sua intelligenza (quantomeno normale)
  • Per evitare di leggere trova delle scuse
  • Fatica in ambito matematico a causa di difficoltà linguistiche (es. può confondere numeri e simboli)

Organizzazione

  • Non si appunta i compiti per casa
  • Fatica nell’organizzarsi utilizzando il diario di scuola
  • Può manifestare scarse capacità di pianificazione e organizzazione delle proprie attività

Orientamento

  • Fatica a ricordare il giorno o il mese attuale
  • Fatica a gestire il proprio tempo
  • Fatica a distinguere destra e sinistra
  • Può avere difficoltà a orientarsi

Area emotivo-relazionale

  • Può faticare a rapportarsi con coetanei e/o adulti (es. compagni e/o insegnanti)
  • Mostra poca autostima

 

2 Replies to “Dislessia: come riconoscerne i segnali?”

    1. Grazie Federica..è fondamentale fornire agl iinsegnanti strumenti operativi di di utilizzo veloce e intuitivo che possano servire per individuare precocemente eventuali fattori di rischio.
      In questo senso, abbiamo messo su uno Sportello di Ascolto sulla Dislessia qui a Pellezzano.
      Per rimanere aggiornata sulle nostre iniziative, seguici su Facebook: Assamodomio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *